martedì 4 gennaio 2011

Kiki de Montparnasse - Infinitamente prezioso

“Se siete stanchi dei libri scritti dalle signore della letteratura per entrambi i sessi, questo è un libro scritto da una donna che non è mai stata una signora. Per quasi dieci anni è stata a un passo dal diventare quella che oggi sarebbe considerata una Regina, il che, naturalmente, è molto diverso dall’essere una signora”. Le parole sono di Ernest Hemingway. Il libro di cui parla è Kiki, Souvenirs, volume di memorie apparso in Francia nel 1929 a firma di Kiki de Montparnasse, la donna che Man Ray ritrasse nella celebre immagine in cui posa di spalle, con la schiena nuda e segnata dai tipici tagli ad effe del violoncello.
Di Man Ray, Kiki de Montparnasse fu modella e musa ispiratrice. Frequentò il quartiere di Montparnasse a Parigi negli anni Venti, mentre la città viveva il suo periodo di più fertile creatività artistica. Conobbe Picasso, Modigliani e quella schiera di artisti (Kisling, Soutine, Calder, Utrillo) che allora barattavano con un pasto caldo opere che oggi sono nei più importanti musei del mondo. Con la sua penna tagliente, nei Souvenirs, Kiki seppe distillare aneddoti, personaggi, miseria, e creatività di quel momento d’oro dell’arte europea. In patria ebbe subito un successo strepitoso. Negli Stati Uniti la traduzione fu invece inserita nella lista dei libri proibiti insieme all’Ulysse di Joyce, ma la censura, anziché occultare il fenomeno, amplificò la curiosità del pubblico americano e ammantò i Souvenir di un’aura di leggenda.
Da poco meno di un anno quel volume è nelle librerie italiane col titolo Kiki de Montparnasse - Infinitamente prezioso (204 pagine - 16,50 euro), tradotto dalla casa editrice Excelisor1881 con l’originale prefazione di Ernest Hemingway. Ora, per i tipi della stessa casa editrice, arriva anche la versione graphic novel con i disegni di Catel e la sceneggiatura di José-Louis Bocquet, che negli scorsi mesi è rimasta salda ai primi posti delle classifiche letterarie francesi; s’intitola semplicemente Kiki de Montparnasse (377 pagine - 24,50 euro).
Fra le pagine scorrono gli stessi aneddoti che la trasgressiva bohémien raccontava nei Souvenirs. Bastano i titoli dei capitoli per intuire la materia di quelle memorie: “Le mie prime elemosine”; “Cerchiamo di scroccare un bagno”; “Il mio primo contatto con la vita d’artista non ha avuto successo”; “Di nuovo servetta”; “Un altro tentativo mancato di perdere la mia verginità”; “Conosco la droga”. Poi le cronache delle sue serate con i surrealisti. I racconti dettagliati delle notti trascorse nei locali di Monmartre. I pettegolezzi su Ezra Pound, Tristan Tzara, Jean Cocteau.
Testimone di un tempo mitico, Kiki è stata anche e soprattutto una delle prime donne emancipate del Novecento. Oltre che per la sua bellezza e la sua indipendenza sessuale, si è imposta come icona per la libertà del suo pensiero e la schiettezza delle sue parole. Come quando racconta uno dei sui primi lavori a soli dodici anni: “Dopo uno o due mesi di consegne, vengo ammessa al laboratorio di legatoria! Il mio primo incarico mi ha subito entusiasmata. Si tratta della rilegatura del Kamasutra. Là dentro vi era di che farmi arrossire e titillare il mio interno coscia con movimenti simili a quelli delle ali di un uccello che non spicca il volo. Avevo l’impressione d’avere costantemente tra le cosce uno scaldino emanante un dolce calore che mi risaliva amabilmente in tutto il corpo e si diffondeva nel ventre” scrive nei Souvenirs “Proprio quel che mi ci voleva, a me che sin da bambina avevo il fuoco tra le gambe”.

Nessun commento:

Posta un commento