giovedì 24 febbraio 2011

Sempre si troverà una donna


Sempre si troverà una donna,
che, fredda e lieve,
compatendo e un poco amando,
ti plachi come un fratello.
Sempre si troverà la spalla di una donna
dove, abbandonata la testa scapestrata,
tu possa respirare con ardore
e a cui possa affidare il tuo ribelle sonno.
Sempre si troveranno gli occhi di una donna
che, smorzando il tuo dolore,
in parte almeno, se non proprio tutto,
vedano la tua sofferenza.
Ma c'è una mano
che ha particolare dolcezza
quando la fronte tormentata sfiora,
come l'eternità e il destino.
Ma c'è una spalla
che, un mistero il perché,
in eterno ti è data, non per una notte sola,
e questo tu da tanto l'hai capito.
Ma ci sono occhi
che appaiono sempre tristi,
e sono gli occhi del tuo amore e della tua coscienza,
fino ai tuoi ultimi giorni.
Ma tu vivi malgrado te stesso,
e quella mano, quella spalla,
quegli occhi tristi non ti bastano...
Quante volte in vita li hai traditi!
Ma eccolo, arriva, il castigo.
"Traditore!" , ti schiaffeggia la pioggia.
"Traditore!", i rami ti sferzano il viso.
"Traditore!" , rimbalza l'eco nel bosco.
Ti rattristi, ti agiti, ti tormenti.
Non saprai perdonare tutto questo a te stesso.
E solo quella mano diafana perdona,
anche se grave l'offesa,
e solo quella spalla stanca
perdona adesso e perdonerà ancora,
e solo quegli occhi tristi
perdonano quello che non si può perdonare.
(Evgenij Aleksandrovič Evtušenko)

2 commenti:

  1. forse dovremmo negarle le nostre mani, le nostre spalle, i nostri occhi...mica sempre, ogni tanto.
    E la terra tremerebbe ne sono sicura

    RispondiElimina
  2. Negarle sì.Per farne nostro regalo,e non altrui.Mica sempre.Spesso.

    RispondiElimina