lunedì 23 maggio 2011

GUARDAMI: SONO NUDA



Guardami: sono nuda. Dall'inquieto
Languore della mia capigliatura
Alla tensione snella del mio piede,
io sono tutta una magrezza acerba
inguainata in un color avorio.
Guarda: pallida è la carne mia.
Si direbbe che il sangue non vi scorra.
Rosso non ne traspare. Solo un languido
Palpito azzurrino sfuma in mezzo al petto.
Vedi come incavato ho il ventre. Incerta
È la curva dei fianchi, ma i ginocchi
E le caviglie e tutte le giunture,
ho scarne e salde come un puro sangue.
Oggi, m'inarco nuda, nel nitore
Del bagno bianco e m'inarcherò nuda
domani sopra un letto, se qualcuno
mi prenderà. E un giorno nuda, sola,
stesa supina sotto troppa terra,starò,
quando la morte avrà chiamato.


Antonia Pozzi

(da Il canto della mia nudità)


Foto:MARTIN MUNKACSI “Sleeping-nude"

1 commento:

  1. splendido l'accostamento con la fotografia di Martin Munkácsi

    M.

    RispondiElimina