domenica 5 giugno 2011

S.C.U.M. Manifesto per l'eliminazione dei maschi "

Non conoscevo Valerie Solanas e non conoscevo il suo manifesto.Mi suggeriscono questo libro,lo acquisto ad una bancarella.I miei soliti affari.Lo sto cominciando a leggere con curiosità e,devo dire,lo trovo molto divertente.L'appendice del libro:gli articoli di giornale riguardanti il tentato assassinio di Andy Warhol da parte della Solanas che colpì l'artista con tre colpi della sua 32 automatica:"Non mi capita spesso di sparare su qualcuno.Non l'ho fatto senza delle buone ragioni..."

TRATTO DAL MANIFESTO PER L'ELIMINAZIONE DEI MASCHI:
" In questa società la vita, nel migliore dei casi, è una noia sconfinata e nulla riguarda le donne: dunque, alle donne responsabili, civilmente impegnate e in cerca di emozioni sconvolgenti, non resta che rovesciare il governo, eliminare il sistema monetario, istituire l'automazione globale e distruggere il sesso maschile. [...] Il maschio è intrappolato in una zona d'ombra a metà strada tra l'essere umano e la scimmia; ma sta molto peggio delle scimmie perché, al contrario di esse, dispone di una vasta gamma di sentimenti negativi: odio, gelosia, disprezzo, disgusto, sensi di colpa, vergogna, insicurezza e, come se non bastasse, è consapevole di ciò che è e di ciò che non è. [...] Gli uomini irragionevoli, malati, che tentano di difendersi dalla loro ignominia, alla vista di SCUM che gli rotola addosso si aggrapperanno terrorizzati alla Grande Mamma con le Grandi Tette di Gommapiuma, ma le Tette non li salveranno da SCUM; la Grande Mamma si aggrapperà al Grande Papà, che se ne starà rintanato in un angolo a cacarsi sotto nelle sue brache da Superman. Gli uomini ragionevoli, invece, non scalceranno, non lotteranno, non solleveranno penose proteste, ma se ne staranno seduti col cuore in pace, rilassati, e si godranno lo spettacolo abbandonandosi alla deriva verso la fine".

Chi è Valerie Solanas.

Nata a Ventnor City, New Jersey da Louis Solanas e Dorothy Biondi, Valerie fu vittima di abusi sessuali da parte di suo padre per tutta l'infanzia. I genitori divorziarono negli anni quaranta, ed all'età di 15 anni Valerie iniziò a vivere per strada. Nonostante questo, terminò gli studi liceali e si iscrisse alla facoltà di psicologia dell'Università del Maryland.
Dopo la laurea in psicologia lavorò per un anno nell'Università del Minnesota, e nel 1953 nacque suo figlio Dave. Altri dettagli della sua vita da questa ultima data al 1966 sono poco chiari, dato che Valerie vagabondò per il paese sostenendosi con l'elemosina e prostituendosi.
Verso la fine degli anni sessanta, Valerie Solanas scrisse ed autoprodusse il suo lavoro più conosciuto, lo SCUM Manifesto, un feroce, rivoluzionario attacco alla cultura patriarcale, che vendeva per strada a 25 cent alle donne e a 50 cent agli uomini. La parola SCUM è generalmente considerata come un acronimo di "Society for Cutting Up Men" (Società per l'eliminazione dell'uomo), anche se questa sigla non compare nel manifesto e che l'autrice abbia rigettato questa interpretazione. Il testo, iconoclasta e scritto con uno stile ironico e parodistico, analizza e critica frocemente la società moderna occidentale attraverso un linguaggio crudo e aggressivo, arrivando a proporre provocatoriamente l'"automazione globale" e "l'eliminazione del maschio" descritto come essere inferiore nel testo, prendendo a prestito e ribaltandole tutti i clichè sull'inferiorità femminile. Valerie Solanas affermò che SCUM voleva essere una scrittura satirica per creare dibattito sui temi trattati.
(Da Wikipedia, l'enciclopedia libera)

Nessun commento:

Posta un commento