lunedì 31 ottobre 2011

Ordinanza all'esercito delle arti


Cantilenano le brigate dei vecchi
la stessa litania.
Compagni!
Sulle barricate!
Barricate di cuori e anime.
E' vero comunista
solo chi ha bruciato i ponti della ritirata.
Basta con le marce,futuristi,
un balzo nel futuro!
Non basta costruire una locomotiva.
fa girare le ruote e fugge via.
Se un canto non saccheggia una stazione,
a che serve la corrente alternata?
Ammonticchiare un suono sopra l'altro,
e avanti,
cantando e fischiettando.
Ci sono ancora buone consonanti:
erre,
esse,
zeta.
Non basta allineare,
adornare i calzoni con le bande.
Tutti i soviet insieme non muoveranno gli eserciti,
se i musicisti non suoneranno la marcia.
Portate i pianoforti sulla strada,
alla finestra agganciate il tamburo!
Il tamburo
spaccate e il pianoforte,
perchè un fracasso ci sia,
un rimbombo.
Perchè sgobbare in fabbrica,
perchè sporcarsi il muso di fuliggine,
e,la sera,sul lusso altrui
sbattere gli occhi sonnacchiosi?
Basta con le verità da un soldo.
Ripulisci il cuore dal vecchiume.
Le strade sono i nostri pennelli.
Le piazze le nostre tavolozze.
Non sono stati celebrati
dalle mille pagine del libro del tempo
i giorni della rivoluzione!
Nelle strade,futuristi,
tamburi e poeti!

(Tratto da "Per la voce" di Vladimir Majakovskij,raccolta progettata da El Lisitskij)

Nessun commento:

Posta un commento